sabato 4 febbraio 2017

TRUMP... "DICE"... CHE ANDRA' ALL'ASSALTO DELLA FEDERAL RESERVE

Janet Yellen, l'attuale presidente della Federal Reserve, è rigorosamente ebrea e del tutto ossequiente ai voleri della Criminale e Satanica Cabala Mondiale di Rothschild,, tale e quale come sono stati altrettanto ebrei e rothschildiani tutti indistintamente i suoi predecessori nella medesima carica della stessa Fed fin dalla sua fondazione nel 1914.

LA STRATEGIA DI TRUMP 

2017-02-02 20.51

-  DA UNA PARTE, SUL PIANO INTERNAZIONALE, RIBALTANDO COMPLETAMENTE LA STRATEGIA GLOBALE DELL'AMMINISTRAZIONE OBAMA, TRUMP HA INSTAURATO BUONI RAPPORTI DEGLI USA CON LA RUSSIA DI PUTIN; MA, ALL'INSEGNA DELLA "STORICA E SECOLARE ALLEANZA PROTESTANTE-EBRAICA" E DELL'ATTUALE "MOVIMENTO CRISTIANO PER IL SIONISMO", PORTA AVANTI UNA POLITICA DI FORTE APPOGGIO AL PROGETTO DELLA GRANDE ISRAELE, DI OSTILITA' APERTA CONTRO L'ISLAM, SPECIALMENTE QUELLO SCIITA, MA DI INCROLLABILE AMICIZIA CON L'ISLAM WAHABITA DELL'ARABIA SAUDITA, E DI ESTREMA AGGRESSIVITA' PERICOLOSAMENTE GUERRAFONDAIA SPECIE CONTRO IRAN E CINA;

- DALL'ALTRA, IN PARTICOLARE, SUL FRONTE INTERNO  USA,  TRUMP AVANZA IN TERMINI DECISI CONTRO CLI ANTIDEMOCRATICI, ANTIPOPOLARI E CRIMINALI PRIVILEGI CHE I ROTHSCHILD, LA MASSIMA DINASTIA STROZZINA DI TUTTO IL MONDO E  DI TUTTI I TEMPI, E LA SUA CABALA EBRAICA MONDIALE HANNO ACCAPARRATO IN AMERICA CONTRO IL POPOLO AMERICANO, FIN DALLA FONDAZIONE DELLA LORO FED NEL  1914, SOTTOMETTENDO E CONDIZIONANDO FINO AD OGGI TUTTI I GOVERNI E L'INTERO STATO DEGLI STATI UNITI PER MEZZO DELLA VIOLENZA, DELL'INTIMIDAZIONE, DELLA CORRUZIONE E DELL'INGANNO.

IN AMERICA STA INSOMMA SUCCEDENDO QUALCOSA DI ESTREMAMENTE IMPORTANTE IN MALE ED IN BENE CHE NON POTRA' NON AVERE ALTRETTANTO IDENTICHE E GRANDI CONSEGUENZE IN TUTTO IL RESTO DEL MONDO.

A quanto pare Trump ha fatto delle concessioni, secondo noi, gravissime, estremamente pericolose ed inaccettabili per il Popolo Americano e per Tutto il Resto dell'Umanità, pagando un "pizzo" enorme e sproporzionato perché rischioso in modo fatale  a favore di Rothschild e della Cabala Ebraica Mondiale del suo diabolico popolo di strozzini, anzitutto e soprattutto a vantaggio del loro progetto secolare ed addirittura plurimillenario della "Grande Israele", come premessa della realizzazione concreta dell'Impero Mondiale Sionista, infatti: 
- non ha per nulla denunciato il crescente e strozzino "Debito Pubblico" Usa di 20 trilioni di dollari all'interesse del 5% annuo verso Casa Rothschild, che è  insostenibilmente  crescente a fronte di un Pil annuo di 15 trilioni di dollari che cresce solo del 3% annuo, 
- in nome di "America First", ha iniziato una massiccia corsa ad armamenti avanzati allo scopo di mantenere agli Usa il primato mondiale militare. 
- ha accettato che la capitale della Israele di Rothschild sia formalmente Gerusalemme invece che Tel Aviv, 
- ha accettato che tutta la Cisgiordania e Gaza passino a detta Israele 
- ha accettato che detta Israele sia considerata l'Unico Stato possibile in Palestina, 
- procede sostanzialmente  verso la Guerra all'Iran, cosa che in breve degenererebbe in una apocalittica Terza Guerra Mondiale, e questo pur di sgombrare il campo ad Israele da chi potesse localmente opporsi efficacemente al Progetto dei Rothschild della loro "Grande Israele" dal Nilo all'Eufrate,
- ad ulteriore rischio di una Terza Guerra Mondiale, ha aperto un contenzioso antagonista contro la Cina, la quale, per altro, del tutto finanziata e supportata proprio dallo stesso Rothschild, è in fortissima ascesa economica e militare, 

Ossia tutte cose per cui diciamo: 

Abbasso Rothschild! Abbasso Trump!;... 

Per il resto, invece, sembra proprio che Trump stia facendo estremamente sul serio e molto per bene a favore del Popolo Americano; ovvero, Trump sta onestamente mantenendo ed onorando la sua parola data ai suoi elettori, e sta giustamente rispettando le promesse fatte, ossia non ha tradito i vincoli del mandato concordato con i suoi elettori, per cui:
- in contrasto totale con l'amministrazione Obama, ha iniziato una politica di buoni rapporti con la Russia di Putin,
- ha criticato la Nato come obsoleta e controproducente per gli Usa,
- ha iniziato una politica antiglobalista e protezionista, contro la Moderna Tratta degli Schiavi verso gli Usa e contro la deindustrializzazione, il tutto in funzione di contrasto alla disoccupazione ed alla povertà crescente della popolazione Usa.
- sta cercando di prendere il controllo della Fed che, fin dalla sua fondazione nel 1914 ad oggigiorno, è sempre stata controllata dai Rothschild.
Insomma Trump, almeno sotto questo altro aspetto, ed almeno fin qui, si sta dimostrando una persona leale e corretta con i suoi elettori; e verso il Popolo Americano, ossia egli si sta comportando tutto al contrario di questi vigliacchi e spregevoli traditori del popolo e servi e sguatteri rothschildiani che imperversano in Italia contro il Popolo Italiano, e nel resto degli altri Stati del pianeta contro tutti gli altri Popoli del Mondo.
Pertanto, almeno limitatamente a questo altro aspetto della sua linea politica favorevole al Popolo Americano, noi diciamo: 

Abbasso Rothschild! Viva Trump! 

A proposito di quest'ultimo punto della linea Trump,  evidenziamo, ad esempio, particolare, ma per nulla trascurabile ed anzi fondamentale, che proprio in questi giorni sta avvenendo quanto segue::...

Il partito di Donald Trump è all’attacco della criminale dipendenza da Rothschild della Federal Reserve che stampa e distribuisce dollari a suo arbitrio: “Stop ai negoziati vincolanti per Stati Uniti”

“La Federal Reserve deve cessare tutti i tentativi di negoziare norme vincolanti che ostacolino le imprese americane” nei consessi internazionali come il Financial Stability Board, il comitato di Basilea per la vigilanza bancaria, o l’associazione internazionale dei supervisori per le assicurazioni, “fino a che il presidente Trump non avrà avuto l’opportunità di nominare e incaricare funzionari che diano priorità nel modo migliore agli interessi americani”. E’ la conclusione di una lettera, dal tono durissimo, che, McHenry, il vicepresidente repubblicano della Commissione servizi finanziari alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha inviato ieri a Janet Yellen, presidente ebrea di stretta obbedienza rothschildiana della Federal Reserve.

La lettera sta circolando in queste ore a Bruxelles, dove aumenta la preoccupazione dei numerosissimi servi di Rothschild nella Ue per questo attacco al principio stesso dell’indipendenza della banca centrale Usa rispetto al governo Usa, e in particolare della Yellen, il cui mandato di presidente dovrebbe scadere nel febbraio 2018.

“Le scrivo riguardo alla continuazione della partecipazione della Fed alle riunioni internazionali sulla regolamentazione finanziaria. Nonostante il chiaro messaggio inviato dal presidente Donald Trump – afferma McHenry nella lettera a Janet Yellen – sulla prioritarizzazione degli interessi americani nei negoziati internazionali, sembra che la Federal Reserve continui a negoziare norme e regole internazionali per le istituzioni finanziarie fra burocrati mondiali in terre straniere senza alcuna trasparenza, responsabilità o autorità per farlo”.

“Questo è inaccettabile”, protesta McHenry, aggiungendo che la partecipazione della Fed alle riunioni internazionali deve essere finalizzata “a conseguire gli obiettivi fissati dalla nuova amministrazione”. Per far questo, continua il “Congressman” repubblicano, “sarebbe probabilmente necessaria una revisione complessiva degli accordi passati che hanno ingiustamente penalizzato il sistema finanziario americano sotto vari aspetti come il capitale bancario, le assicurazioni, i derivati, i rischi sistemici, e la gestione degli attivi”.

McHenry si lancia poi in una critica senza appello alla mancanza di trasparenza dei consessi in cui si svolgono i negoziati internazionali sulle norme finanziarie: “Deve essere rivista anche la struttura segreta di queste riunioni internazionali. Accordi come quelli di Basilea III sono stati negoziati e concordati dalla Fed con breve preavviso al pubblico americano, e sono stati il risultato di un processo decisionale opaco. Le norme internazionali sono poi state trasformate in regolamenti interni che hanno costretto le imprese americane di diverse dimensioni a incrementare sostanzialmente i loro requisiti di capitale, ciò che ha portato a un rallentamento della crescita qui in America”.

Secondo McHenry “ è compito di tutti i funzionari, addetti a formulare regole di applicazione degli accordi, di  sostenere l’economia Usa, e vagliare gli accordi internazionali che stanno uccidendo i posti di lavoro americani. 
Di conseguenza – è la conclusione della lettera – la Fed deve cessare tutti i tentativi di negoziare norme vincolanti che ostacolano le imprese americane, fino a che il presidente Trump non avrà avuto l’opportunità di nominare e incaricare funzionari che diano priorità nel modo migliore agli interessi americani”.

In conclusione crediamo che:...

COMUNQUE VADANO A FINIRE LE COSE, STA DI FATTO CHE DONALD TRUMP, IN POCHI GIORNI DEL SUO MANDATO DI PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI D'AMERICA STA FACENDO QUALCOSA DI TALMENTE IMPORTANTE PRO E CONTRO LA TIRANNIA MONDIALE ROTHSCHILDIANA CHE CERTO LASCERA' PER SEMPRE UNA TRACCIA ENORME ED INDELEBILE IN MALE ED IN BENE NELLA STORIA DELL'UMANITA' CONTRO ED A FAVORE DEI POPOLI E DELLE PERSONE DI BUONA VOLONTA' DI TUTTO IL MONDO.
.
.


.

Nessun commento: